Musei & Valdinievole. Sistema museale della Valdinievole

Toscana, Provincia di Pistoia attivo dal 2003
sistema museale


L’idea di realizzare un sistema per il territorio della Valdinievole risale al 1996, quando la Provincia di Pistoia avviò una serie di studi preliminari in collaborazione con l’Università di Pisa.
Nel 2003, a seguito di un censimento dei musei del comprensorio, dei loro servizi e della loro rispondenza agli standard, si è avviato l’iter costitutivo del sistema, compiutosi con la sigla di un protocollo d’intesa tra Provincia, Comuni e soggetti privati proprietari di musei e strutture musealizzate.
Il Sistema si realizza mediante l'inserimento dei musei aderenti in più itinerari tematici, al fine di creare una serie di relazioni tra musei e territorio, per l'implementazione dell'offerta turistico-culturale dell'area, la promozione e la conservazione del patrimonio museale. Nel corso degli anni è stato realizzato un progetto di cartellonistica con immagine coordinata ed una guida cartacea, i cui contenuti sono stati trasferiti anche nel sito web dedicato al sistema.
I musei risultano così articolati all'interno dei percorsi tematici: "Devozione": Museo di San Michele (Massa), Museo della Città e del territorio (Monsummano Terme), Museo all’aperto (Serravalle Pistoiese); "Edifici e giardini monumentali": Villa Rospigliosi (Lamporecchio), Museo di arte Contemporanea e del Novecento (Monsummano Terme), Museo Nazionale di Casa Giusti (Monsummano Terme), Palazzo del Municipio (Montecatii Terme), storico Giardino Garzoni (Collodi); "Civiltà della tecnica": Museo della Cultura contadina (Casore del Monte), Museo della Città e del territorio (Monsummano Terme), Museo della Carta (Pescia); “Arte del Novecento e Contemporanea": Museo di arte Contemporanea e del Novecento (Monsummano Terme), Palazzo del Municipio (Montecatini Terme), Gipsoteca Libero Andreotti (Pescia), Parco monumentale di Pinocchio (Collodi); "Archeologia": Museo civico e Castello di Larciano (Larciano), Museo della Città e del territorio (Monsummano Terme), Museo civico di scienze naturali ed archeologia della Valdinievole (Pescia); "Territorio e suoi insediamenti": Museo civico e Castello di Larciano (Larciano), Padule di Fucecchio (Castelmartini), Museo della Città e del territorio (Monsummano Terme), Museo civico di scienze naturali ed archeologia della Valdinievole (Pescia), Museo all’aperto (Serravalle Pistoiese); "Personaggi": Museo nazionale di Casa Giusti (Monsummano Terme), Parco Monumentale di Pinocchio (Collodi).
Il sistema si è impegnato, attraverso attività di catalogazione ed inventariazione, al progressivo adeguamento dei propri musei agli standard ministeriali. Sono adesso (2007) in fase di elaborazione il regolamento del Sistema e una convenzione per la definizione dei servizi.

Finalità e motivazioni

Secondo il Protocollo d'intesa, firmato nel 2003 dai soggetti coinvolti, gli scopi del sistema museale sono: l'adeguamento dei musei a standard minimi di fruibilità; la valorizzazione del patrimonio mediante attività di ricerca, catalogazione, restauro, educazione e promozione; l’incremento dei visitatori nella zona e la loro possibile permanenza turistica; la creazione di nuove occasioni occupazionali legate al turismo.

Modalità di attuazione

Le attività di sistema si sono svolte fino ad oggi prevalentemente nell'ambito della promozione e della catalogazione. Sono stati infatti realizzati il logo unico del sistema e la cartellonistica coordinata; è stata pubblicata una guida cartacea ed un sito web. Nell'ottica del progressivo adeguamento dei musei agli standard ministeriali, il sistema ha promosso attività di catalogazione ed inventariazione per le collezioni museali. Tali attività sono state realizzate dalla Provincia grazie ai co-finanziamenti regionali sui Piani per la cultura relativi al 2003 e al 2004 nell'ambito degli interventi della Regione volti allo sviluppo dei sistemi museali. Per alcune attività realizzate su specifici progetti, come le mostre temporanee, i Comuni partecipano direttamente alle spese.

Strumenti di comunicazione e visibilità

Sito web dedicato al sistema, guida cartacea, logo unico, cartellonistica e segnaletica

Servizi offerti

Segnaletica relativa agli itinerari tematici.

Aspetti gestionali

I musei mantengono la gestione diretta da parte degli enti e dei soggetti proprietari. Alla Provincia di Pistoia spetta il ruolo di ente capofila per il sistema.
La Conferenza dei sindaci dei Comuni aderenti ed il Presidente della Provincia, sono gli organi che hanno il compito di fornire indicazioni sulla progettazione delle attività del sistema, in base agli indirizzi della politica culturale del territorio. I responsabili degli uffici cultura dei Comuni partecipanti al sistema, compongono invece il comitato tecnico, che ha la funzione di rendere operativi i progetti annualmente programmati.
Partecipano al sistema i seguenti soggetti: Amministrazioni comunali di: Buggiano, Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Marliana, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Serravalle Pistoiese, Uzzano. Diocesi di Pescia, Diocesi di Pistoia, Soprintendenza archeologica della Toscana, Soprintendenza BAPPSAD per le Provincie di Firenze, Pistoia e Prato. Nel sistema sono coinvolti anche tre raccolte private: Museo etnologico della Montagna (Pescia), La miniera di Publio (Pescia), Museo del Bonsai (Pescia)

Aspetti finanziari

Per la realizzazione del sistema la Provincia, in qualità di capofila e coordinatore, ha potuto utilizzare i co-finanziamenti regionali destinati allo sviluppo dei sistemi museali, previsti dai Piani per la cultura degli anni 2003 e 2004 . Gli Enti coinvolti si impegnano a sostenere gli interventi realizzati a livello sistemico o sul proprio territorio, mediante co-finanziamenti sui singoli progetti, nella misura determinata dalla Conferenza dei sindaci e dal Presidente della Provincia .

Bibliografia

Musei & Valdinievole, a cura di S. Lanatà, Pistoia 2003.

Scheda a cura di Cristina Borgioli

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.