Sistema museale di Volterra

Toscana, Provincia di Pisa, Comune di Volterra attivo dal 1991
sistema museale


Sistema museale di dimensione civica promosso dal Comune, che si realizza mediante la creazione di un biglietto unico per tre musei: il Museo Guarnacci, il Museo Civico, il Museo di Arte Sacra. Il sistema nasce nel 1991 con un biglietto integrato per le prime due strutture, rispettivamente gestite al tempo da un apposito consorzio (scioltosi nel 1994 e a cui è subentrato il Comune), e dall'amministrazione comunale. Nel 1994, attraverso apposita convenzione, all'accordo per la bigliettazione unica aderisce anche la Diocesi e viene inserito nel sistema il Museo di Arte Sacra. Non tutte le strutture musealizzate presenti in città però aderiscono alla bigliettazione integrata: ne sono infatti esclusi Palazzo Viti, le aree archeologiche (che realizzano un proprio biglietto unico per due siti), il Palazzo dei Priori ed il Museo dell'Alabastro. Quest'ultimo, sebbene di proprietà comunale, partecipa in realtà ad un'altra forma sistemica, l'Ecomuseo dell'alabastro, nato del 2003, che si sviluppa come un itinerario legato alla lavorazione del materiale tra i comuni di Castellina Marittima, Volterra e Santa Luce. La gestione dei servizi delle aree archeologiche, del Palazzo dei Priori e del Museo dell'Alabastro sono state affidate, fino al dicembre 2007, all'azienda "Sistema Museo", che opera a livello nazionale. Oltre al coordinamento della bigliettazione il sistema realizza attività di promozione per tutti i musei di Volterra, attraverso una sezione del sito web del Comune, collabora alla progettazione e alla realizzazione di mostre.

Finalità e motivazioni

Coordinare l'offerta museale cittadina e le attività inerenti.

Modalità di attuazione

Accordo per la realizzazione di un biglietto unico per i seguenti musei: Museo Etrusco Guarnacci, Pinacoteca e Museo Civico, Museo Diocesano d'arte Sacra.

Strumenti di comunicazione e visibilità

Sezione del sito web ufficiale del Comune di Volterra.

Servizi offerti

Bigliettazione integrata.

Aspetti gestionali

Attraverso un accordo tra i soggetti proprietari (Comune e Diocesi) è stato realizzato il biglietto unico per tre musei: la Pinacoteca Civica, il Museo Guranacci, il Museo di Arte Sacra. Il Comune svolge il ruolo di coordinamento. Gli introiti della bigliettazione integrata sono ripartiti secondo quote fisse tra i due Enti. La Provincia di Pisa, che già partecipava al Consorzio per la gestione del Museo Guarnacci, scioltosi nel 1994, riconoscendo un alto valore culturale al museo ed al sistema, versa annualmente un contributo per lo svolgimento della funzione educativa dei due istituti. Il Museo dell'Alabastro, di proprietà del Comune, partecipa al sistema sovracomunale "Ecomuseo dell'Alalbastro", realizzato dai municipi di Volterra, Castellina Marittima e Santa Luce. Tale struttura, assieme al Palazzo dei Priori e alle aree archeologiche dell'Acropoli e del Teatro romano, sono affidate in gestione all'azienda "Sistema Museo".

Aspetti finanziari

Gli introiti della bigliettazione unica tra i tre musei che compongono il sistema vengono ripartiti tra i soggetti proprietari delle strutture. La Provincia di Pisa eroga un contributo annuale diretto al Museo Guarnacci e al Sistema museale, riconoscendone il valore culturale.

Bibliografia

I sistemi museali in Toscana. Primi risultati di una ricerca sul campo, a cura di L. Lazzeretti, Firenze 2006, p. 154-155.

Scheda a cura di Cristina Borgioli

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.