Archeoprovincia

Marche, Provincia di Pesaro e Urbino attivo dal 14-01-2002
sistema museale provinciale


Archeoprovincia è un progetto ideato e coordinato dalla Provincia di Pesaro-Urbino per la promozione del patrimonio archeologico attraverso un programma di appuntamenti.
Nel 2002, mediante un Accordo di intesa aderirono ad Archeoprovincia i seguenti Comuni e realtà archeologiche:
Acqualagna Museo archeologico (Villa rustica di Colombara Furlo, Abbazia di San Vincenzo
Pesaro Museo Archeologico Oliveriano,
Sant'Angelo in Vado Museo archeologico Tifernum Metaurense
San Lorenzo in Campo Museo comunale laurentino
Pergola Museo dei Bronzi dorati e della città di Pergola
Fermignano Area archeologica del Furlo
Fossombrone Museo civico A. Vernarecci Sez. archeologica, Parco archeologico di San Martino del Piano, sepolcreto di Calmazzo
Macerata Feltria Museo civico paleontologico, Area archeologica, Pieve di San Cassiano in Pitino
San Costanzo Area archeologica
Cagli Museo archeologico e della Via Flaminia
Cantiano Area archeologica di Pontericcioli
Serrungarina Area archeologica di Tavernelle
L’adesione comportava l’approvazione del piano di promozione della Provincia. Il piano prevedeva la comunicazione integrata delle strutture e la realizzazione di eventi ed iniziative da attuarsi presso le sedi museali. Alla fine del 2002 però, nonostante la buona partecipazione del pubblico alle iniziative proposte da Archeoprovincia, il progetto non venne ripetuto. Archeoprovincia è diventata solo un’insegna sotto la quale confluiscono generalmente i progetti provinciali riguardanti l’archeologia.

Forma giuridica

Archeoprovincia non ha forma giuridica

Finalità e motivazioni

Con Archeoprovincia si voleva:
1) ampliare il numero di servizi per musei e siti archeologici;
2) realizzare una promozione integrata delle realtà aderenti;:
3) aumentare gli introiti da destinare alle istituzioni aderenti;
4) ridurre le spese grazie ad un migliore riparto dei costi fissi e grazie alla possibilità data dalla rete di sfruttare le economie di scala;
5) aumentare il pubblico dei visitatori attraverso il loro rinvio fra una istituzione e l’altra. (D.G. P. Pesaro- Urbino, n. 5 del 14/1/2002)

Modalità di attuazione

I Comuni sottoscrivevano un accordo di intesa mediante il quale accettavano il progetto della Provincia che organizzava e promuoveva attività nei musei o nei siti archeologici.
La partecipazione, solo durante l’edizione del 2002, era subordinata al pagamento di una quota da parte degli aderenti. Dal 2003 tale modalità non viene rinnovata e oggi Archeoprovincia è solo un logo che contraddistingue le normali attività di valorizzazione del patrimonio archeologico condotte dalla Provincia di Pesaro.

Strumenti di comunicazione e visibilità

1) Sito web (www.archeoprovincia.it) e logo unico della rete;
2) pubblicazioni gratuite (brochure; depliants; poster) pubblicata a cura della Provincia in distribuzione gratuita;
3) segnaletica stradale riferita ai musei aderenti al progetto. La segnaletica aveva la stessa veste grafica del materiale divulgativo.

Servizi offerti

Gli enti aderenti accettavano il piano promozionale presentato dalla Provincia pagando una quota d’adesione. In cambio potevano usufruire dei vantaggi dati dal sistema soprattutto in termini di promozione. Archeoprovincia fino al 2003 ha condotto un’opera di comunicazione coordinata che prevedeva forme di promozione quali percorsi, pubblicazioni, opuscoli.

Aspetti gestionali

Nel 2002 un Comune capofila incaricato dalla Provincia, raccoglieva la quota di adesione degli enti aderenti al progetto che accettavano così il programma delle iniziative ideate ed organizzate dalla Coop. Sistema Museo. La cooperativa si occupava anche della promozione e comunicazione dell’intero progetto.

Aspetti finanziari

La Provincia stanziava un contributo per il progetto; i Comuni versavano una quota di partecipazione: nel 2002 il progetto ha usufruito del contributo regionale della l.r. 75/97 conferito al Comune capofila di Cagli.

Bibliografia

P.L. Dall'Aglio e P. Campagnoli (a cura di) Sulle tracce del passato Percorsi archeologici nella Provincia di Pesaro- Urbino, Pesaro, 2002

Scheda a cura di Laura Tesei

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.