Rete Monti Azzurri e musei

Marche, Provincia di Macerata attivo dal 15-03-2003
rete museale


La rete museale Monti Azzurri e Musei è coordinata dalla Comunità Montana dei Monti Azzurri e si è formata grazie al finanziamento comunitario del programma Doc.u.p. per l’Obiettivo 2 destinato al ‘museo diffuso’. Il contributo ha permesso il restauro dei seguenti musei: la Pinacoteca comunale di Monte San Martino, la Collezione civica d’arte contemporanea di Ripe San Ginesio, i Musei civici di Sarnano ed il Museo del Santuario di San Nicola di Tolentino. Insieme a questi istituti partecipa alla rete anche il Comune di Caldarola con l’ Antiquarium e il Museo dell’arte della Resistenza.
La Comunità Montana che ha beneficiato dei contributi per curare la promozione dei musei, ha dotato le sedi di un servizio di audioguida, ha realizzato la pubblicazione di una guida specifica e ha permesso la realizzazione del portale della rete. Dopo quest’investimento iniziale supportato in larga misura dai finanziamenti comunitari e statali, la Comunità Montana non si è più occupata del coordinamento della rete che non ha più operato alcuna azione integrata.

Forma giuridica

La rete non ha personalità giuridica.

Finalità e motivazioni

Istituire una rete museale che colleghi in un percorso culturale le risorse artistiche del territorio.

Modalità di attuazione

In prima istanza sono stati eseguiti i lavori strutturali sui musei di:
- Pinacoteca comunale di Monte San Martino, aperta per la prima volta al pubblico grazie alla rete.
- Collezione civica d’arte contemporanea di Ripe San Ginesio: risanamento della sede e nuovi arredi.
- Musei civici di Sarnano : nuovo allestimento in un’unica nuova sede.
- Museo del Santuario di San Nicola di Tolentino: nuovo allestimento.

Da parte della Comunità Montana è stato progettato un piano di comunicazione integrato per tutte le sedi museali. Il piano consiste nella realizzazione di un sito internet, una guida a stampa dei musei ed un servizio di audioguida.

Strumenti di comunicazione e visibilità

- Esiste un sito web (www.montiazzurriemusei.it) ed un logo unico della rete.
- Realizzata una guida dei musei, di G. Semmoloni intitolata Monti Azzurri e Musei, Gragnano (Napoli), 2004.
- Realizzato un Cd rom della rete museale.
- Predisposta una segnaletica stradale riferita ai musei della rete.
- Partecipazione della Comunità Montana nel 2004 a fiere del settore artistico e turistico in Italia e all’estero in cui è stata presentata la rete museale.

Servizi offerti

Grazie al finanziamento comunitario destinato al progetto di rete, tutti i musei aderenti alla rete sono provvisti di un servizio di audioguide.
Nel sito internet vengono proposti tre itinerari: il percorso crivellesco, l’itinerario sull’arte contemporanea e il percorso dedicato al pittore Simone De Magistris.

Aspetti gestionali

Dal punto di vista della gestione non sono previste ipotesi di affidamento dei servizi museali ad un unico ente gestore.

Aspetti finanziari

La rete museale Monti Azzurri e Musei si è costituita grazie ai fondi strutturali europei FESR previsti dal programma Doc.u.p. per il periodo 2000/2006. Il progetto rientra nella misura 3.2 «Recupero, valorizzazione e promozione del patrimonio storico e culturale», Submisura 1 «Sistema Museo diffuso: Progetti integrati su scala territoriale» I Comuni beneficiari e la Comunità Montana hanno cofinanziato il progetto.

Bibliografia

G. Semmoloni, Monti Azzurri e Musei, Gragnano Napoli, 2004.

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.