Sistema museale della Provincia di Macerata

Marche, Provincia di Macerata attivo dal 18-01-2002
sistema museale provinciale


L’Associazione Sistema museale promossa e istituita dalla Provincia di Macerata raggruppa, in qualità di soci, soggetti pubblici e privati proprietari di musei e di raccolte di beni culturali presenti nel territorio provinciale.È un sistema museale territoriale che comprende i musei di varia tipologia dei comuni di Camerino (Pinacoteca e Musei civici); di Cingoli (Chiesa di San Domenico); di Caldarola (Antiquarium di Pievefavera; di Corridonia (Pinacoteca Parrocchiale e Raccolta F. Corridoni); di Gagliole (Museo di Storia Naturale); di Loro Piceno (Museo delle Due guerre Mondiali); di Macerata (Pinacoteca Arte Antica, Pinacoteca Arte Contemporanea «Maurizi», Museo della Carrozza, Museo Palazzo Ricci Arte del Novecento, Museo diocesano Madonna della Misericordia); di Mogliano (Palazzo Forti); di Montecassino (Raccolta Archeologica); di Montelupone (Pinacoteca Civica, Museo D’Arti e Antichi Mestieri); di Monte San Giusto (Collezione disegni A. Maggiori); di Monte San Martino (Chiesa di San Martino); di Matelica (Museo Archeologico, Museo Piersanti e Pinacoteca comunale Fidanza); di Petriolo (Museo dei Legni Professionali «Monsignor Marcello Manfroni»); di Pollenza (Museo Civico Memorie Pollentine); di Recanati (Centro Nazionale di Studi Leopardiani, Museo Civico – Pinacoteca Villa Colloredo Mels e Museo Beniamino Gigli); di Ripe di San Ginesio (Pinacoteca di Arte Contemporanea); di San Ginesio (Museo Pinacoteca «Scipione Gentili»); di Sarnano (Pinacoteca e Musei Civici); di Tolentino (Museo Internazionale della Caricatura «L. Mari» e Museo Civico Archeologico, Museo dell’Arciconfratermita del SS. Cuore di Gesù, Raccolta Archeologica e il Museo della Civiltà Contadina dell’Abbazia di Piastra); di Treia (Museo Archeologico e Pinacoteca Civica); di Urbisaglia (Parco Archeologico di Urbs Salvia e Museo delle Armi e delle Uniformi Militari); di Visso (Museo - Pinacoteca Civica e Museo Diocesano)

Forma giuridica

Associazione

Finalità e motivazioni

La Provincia di Macerata istituendo il Sistema museale provinciale ha inteso realizzare un sistema territoriale dei musei, coinvolgendo possibilmente tutti i musei del territorio, nell’ambito del progetto regionale del “museo diffuso. L’intenzione principale della Provincia è stata quella di creare un soggetto autonomo che stimolasse il lavoro in rete fra più istituti non sempre economicamente in grado di garantire servizi. Istituendo il Sistema museale, l’amministrazione provinciale si è posta come obiettivi principali la realizzazione ristrutturazione e rifunzionalizzazione delle sedi museali; la conservazione del patrimonio storico artistico; l’organizzazione della gestione in forma coordinata dei servizi comuni dei musei aderenti.

Modalità di attuazione

L’Associazione di occupa fondamentalemete di organizzare e coordinare alcuni servizi comuni e renderli uniformi.

Strumenti di comunicazione e visibilità

L’Associazione ha un proprio sito internet, disponibile all’indirizzo www.sistemamuseale-mc.it e realizzato grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea del Programma Docup Ob 2. L’Associazione ha creato un logo identificativo del sistema posto come marchio di riconoscimento sul sito e su pubblicazioni promozionali.

Servizi offerti

Una delle principali attività del sistema museale di Macerata è rivolta prevalentemente alla gestione dei servizi di apertura al pubblico dei musei aderenti. Uno dei maggiori impegni dell’Associazione, infatti, è quello di garantire l’apertura delle strutture museali con orari minimi e uniformi. L’iniziativa Musei d’Incanto riguarda infatti l’apertura in rete dei musei associati secondo orari e modalità uniche. L’Associazione offre agli aderenti servizi di consulenza tecnica e scientifica e di promozione turistica; organizza e gestisce itinerari artistici, storici, turistico-culturali, rivolti alla promozione dell’offerta culturale del territorio provinciale nel suo complesso.L’Associazione si occupa inoltre dell’organizzazione e della realizzazione di mostre temporanee, fra le quali «Rinascimento scolpito» a Camerino (2006), e «Ireneo Aleandri» (2004), e collabora all’organizzazione di eventi culturali di vario genere, fra i quali «ALDO», il salone della didattica museale (edizioni del 2004 e del 2005). L’Associzione di occupa anche della catalogazione dei beni culturali del territorio provinciale.

Aspetti gestionali

L’associazione Sistema Museale di Macerata non provvede alla gestione diretta dei musei aderenti (è prevista, comunque, per il progetto appena avviato denominato Musei in collina) , ma gestisce l’apertura coordinata dei musei. La gestione di alcuni servizi, come la guardiania, la didattica, l’accoglienza, la biglietteria, in molti musei è data in appalto a cooperative o società di gestione.

Aspetti finanziari

Fra le entrate principali dell’Associazione si annoverano le quote associative versate annualmente da ogni socio secondo quanto stabilito nello statuto.Il Sistema museale riceve i finanziamenti predisposti dalla Regione e stanziati dalle Province secondo le modalità stabilite dalla l. r. 75/1997 e dalla l. r. 43/1998.

Bibliografia

R. PERNA, Quasi cento musei!, «57 Comuni», a. I, n. 2, dicembre 2002, pp. 20-23.

Scheda a cura di I. Amadei

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.