Musei civici di Treviso

Veneto, Comune di Treviso
non sistema museale


Costituiscono il patrimonio museale civico di Treviso, il Museo ‘L. Bailo’, che - dalla propria istituzione nel 1882 - rappresenta la sede storica del museo civico trevigiano, cui si sono aggiunti nel corso del ‘900 il complesso di Santa Caterina e la Ca’ Noal.
Sulla base delle caratteristiche rilevate non sembra potersi riconoscere, almeno al momento, un’entità ‘sistemica’.

Aspetti gestionali

L’Amministrazione Comunale (‘settore biblioteche e musei’) provvede alle attività di gestione dei musei civici, sul piano strettamente organizzativo, delle risorse professionali, della comunicazione.

Aspetti finanziari

Il Comune nella gestione dei musei civici impiega proprie risorse, cui si uniscono in parte i contributi regionali (L.R. 50/1984), destinati alle attività museali.

Bibliografia

- Corte dei conti. Sezione delle autonomie, Relazione sul controllo. Musei degli enti locali (delib. n. 8/AUT/2005), Roma, 2005.


- L. BALDIN, Musei della Marca Trevigiana. Analisi e proposte, Venezia, 2006.

Scheda a cura di VERONICA CARPITA, ELISABETTA STINCO

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.