Museo dei ragazzi

Toscana, Provincia di Firenze attivo dal 2001
non sistema museale


L'Associazione, con sede a Palazzo Vecchio e promossa dal Comune di Firenze nasce ufficialmente nel 2001 per la gestione dei servizi educativi, didattici e per la comunicazione museale. Vi aderiscono da principio i Quartieri monumentali di Palazzo Vecchio, la Chiesa del Carmine, il Museo Bardini, il Museo storico Topografico Firenze com'era (di proprietà del Comune di Firenze), l'Istituto e Museo della Scienza di Firenze, il Museo Stibbert, cui si aggiungono in seguito il Museo Leonardiano di Vinci (di proprietà del Comune di Vinci) e Firenze Mostre S.p.A. Non si tratta all'evidenza di un museo o di una struttura sistemica vera e propria ma di una rete di servizi finalizzati all'educazione dei ragazzi, delle famiglie e del pubblico adulto, erogati nelle sedi museali attraverso laboratori. Attualmente all'Associazione partecipano i Comuni di Firenze e Vinci con i propri musei.

Forma giuridica

Associazione senza fini di lucro

Finalità e motivazioni

Lo scopo dell'Associazione Museo dei Ragazzi è elaborare e realizzare progetti ed attività di comunicazione, didattica, educazione per le diverse tipologie di pubblico, volte alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio museale

Modalità di attuazione

Museo dei Ragazzi nasce come associazione tra i Comuni di Firenze, Vinci, l'Istituto e Museo della Scienza di Firenze, il Museo Stibbert, Firenze Mostre S.p.A. Attualmente partecipano all' associazione il Comune di Firenze ed il Comune di Vinci.

Strumenti di comunicazione e visibilità

Sito web, materiale a stampa e multimediale

Servizi offerti

Attività, laboratori permanenti e progetti multimediali per la didattica e l'educazione del pubblico dei musei, suddivisi per tipologia di visitatori: prima infanzia, ragazzi, famiglie, scuole, adulti residenti, stranieri. Possibilità di acquistare a prezzo ridotto un biglietto per le famiglie che consente di partecipare a più attività dedicate. Servizi di accoglienza, di prenotazione ed orientamento alla visita per i musei che partecipano alla associazione.

Aspetti gestionali

L'associazione consta dei seguenti organi: l'Assemblea degli associati; il Consiglio Direttivo (i cui membri sono designati dagli Enti associati ed individuati fra le persone preposte alla direzione dei musei interessati) che ha il compito della gestione e della amministrazione della associazione; un Presidente, nominato dal Consiglio direttivo; un Direttore; il Collegio dei Sindaci revisori; il Collegio dei probiviri formato da tre membri scelti tra i non associati. L'Associazione progetta e realizza una rete di servizi e di attività per l'educazione e la didattica museale nei musei del Comune di Firenze (Quartieri monumentali di Palazzo Vecchio, Cappella Brancacci nella Chiesa del Carmine, Museo Bardini, Museo storico Topografico Firenze com'era) e nel Museo Leonardiano di Vinci.

Aspetti finanziari

Ciascun soggetto aderente paga una quota annuale associativa. Le altre entrate sono relative ai proventi delle attività dell'Associazione ed all'attività di fundraising. L'Associazione partecipa ai bandi regionali per i finanziamenti relativi alla didattica. Il biglietto per partecipare alle attività svolte dalla associazione nei musei è comprensivo della quota per l'ingresso al museo.

Bibliografia

P. Pacetti, Quando il Museo propone al pubblico educazione e diletto. Riflessioni sull'esperienza dell'Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze, in Cultura in gioco, a cura di P.A. Valentino, L. M. R. Delli Quadri, Firenze 2004, pp. 349- 376.

Scheda a cura di Cristina Borgioli

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.