Sistema dei Parchi della Val di Cornia. Rete dei musei e dei Parchi della Val di Cornia

Toscana, Provincia di Livorno attivo dal 1993
sistema integrato


Il sistema di parchi e delle strutture annesse della Val di Cornia si estende nella fascia costiera e collinare sita tra Livorno e Grosseto ed è il frutto di una lunga politica di tutela coordinata tra i Comuni del territorio, iniziata negli anni Settanta. Nel 1993 è stata costituita la Società mista pubblico privato «Parchi Val di Cornia», per iniziativa dei Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto e Sassetta e di soci privati, ai sensi dell’art. 22 della legge 142/1990 (successivamente Decreto legislativo n. 267/2000). La Società ha vincolo di prevalente capitale pubblico. Il sistema dei parchi si compone del Parco archeominerario di San Silvestro (Campiglia Marittima); del Parco naturalistico costiero di Ripigliano (San Vincenzo); del Parco archeologico e naturalistico di Baratti-Populonia (Piombino); del Parco naturalistico costiero della Sterpaia e della costa orientale (Piombino); del Parco naturalistico forestale di Montioni, (Suvereto, Piombino e Campiglia M.ma);del Parco naturalistico forestale di Poggio Neri (Sassetta). Appartengono ai parchi anche le attrezzature culturali, museali e di supporto logistico, talvolta localizzate esternamente al loro perimetro, tra queste vi sono: Museo del Temperino, Museo dell'Archeologia e dei Minerali, Museo del Minatore, Museo delle Macchine Minerarie, Centro di documentazione di Villa Lanzi (Parco di San Silvestro); Museo Archeologico del territorio di Populonia (Piombino).

Forma giuridica

Società mista pubblico privato, con il vincolo del prevalente capitale pubblico.

Finalità e motivazioni

Lo scopo del sistema dei parchi è la valorizzazione delle risorse ambientali e culturali del territorio di riferimento, comprendente le aree naturali protette, le aree archeologiche ed i beni culturali dei Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto e Sassetta, sottoposti a regime di tutela dai piani regolatori coordinati degli stessi Comuni. Il sistema mira alla gestione integrata dei servizi relativi alla pubblica fruizione dei parchi e dei musei. Con questo obiettivo nel 1993 è stata istituita la Val di Cornia S.p.a. , la quale ambisce anche alla realizzazione dell'autofinanziamento per il sistema dei parchi.

Modalità di attuazione

Il sistema si realizza grazie al coordinamento delle politiche di tutela, con particolare riferimento ai piani urbanistici dei Comuni coinvolti, operato fin dagli anni Ottanta; dal 1993 è stata costituita la Società S.p.A. a prevalente capitale pubblico per la gestione del sistema dei parchi e delle strutture annesse.

Strumenti di comunicazione e visibilità

Sito web, materiale editoriale, logo unico. La Società promuove l'immagine del sistema dei parchi anche mediante la realizzazione di offerte integrate per il turismo ed azioni di marketing strategico

Servizi offerti

Visite guidate, informazioni all'accoglienza, attività e laboratori didattici, bookshop, aree attrezzate, parcheggi, ristorazione. E' stata realizzata inoltre una Card turistica che permette di ottenere sconti sulle visite e gli ingressi dei parchi del Sistema, agevolazioni presso le strutture convenzionate, riduzioni sugli ingressi in altri Parchi e Centri

Aspetti gestionali

Il sistema dei parchi e delle strutture annesse è gestita dalla Val di Cornia S.p.A. costituita appositamente per questo scopo. La società a prevalente partecipazione pubblica vede la presenza dei Comuni interessati al progetto e soggetti privati prevalentemente legati all'imprenditoria turistica.

Aspetti finanziari

La S.p.A. nasce con l'obiettivo del raggiungimento dell'autofinaziamento per il sistema dei parchi. La realizzazione dei centri e delle strutture annesse a questi è stata possibile anche grazie ai seguenti finanziamenti: fondi strutturali Fesr- CEE; contributi su fondi statali (Patto territoriale, Accordo di programma MiBAC- Regione Toscana); contributi regionali (fondi Piano di Azione Regionale). La quota di cofinanziamento è stata reperita dalla S.p.A mediante aumenti del capitale sociale. La società redige un Piano di Impresa quadriennale ed ogni anno stila un budget di gestione operativa definendo gli obiettivi, un programma degli investimenti ed uno di promozione; questi sono sottoposti all’approvazione dei Comuni che prendono parte alla S.p.A..

Bibliografia

Per una bibliografia esaustiva del sistema si rimanda alla pagina dedicata del sito web: http://www.parchivaldicornia.it/parco.php?codex=soct-bib

Scheda a cura di Cristina Borgioli

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.