LEGGE REGIONALE n. 12 del 17 febbraio 1977, Interventi straordinari per la acquisizione pubblica di beni culturali e per la realizzazione di iniziative di promozione culturale

legge regionale, Bollettino Ufficiale Regione Umbria del 23-02-1977 [http:/camera.mac.ancitel.it/lrec ]

ARTICOLO 1

In connessione con gli obiettivi programmatici di sviluppo e coordinamento delle biblioteche, musei, ed archivi degli Enti locali indicati nella legge regionale 3 giugno 1975, n. 39, e fino alla costituzione dei Consorzi tra Comuni da essa previsti, la Regione provvede direttamente e in via straordinaria:
a) all' acquisizione, al fine della loro messa a disposizione della collettività , di beni o universalità di beni, anche di proprietà privata che presentino rilevante valore storico, artistico o culturale d' interesse locale;
b) alla realizzazione, anche in concorso con altri Enti, di iniziative idonee dirette a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale umbro nell' ambito nazionale e internazionale;
c) all' erogazione, al di fuori delle previsioni della legge regionale 9 agosto 1972, n. 16, di contributi a Enti, associazioni o gruppi di promozione culturale per la realizzazione di iniziative specifiche di interesse locale, particolarmente qualificate, che si armonizzino con gli obiettivi della programmazione regionale.

ARTICOLO 2

Gli interventi di cui all' articolo precedente sono deliberati, sentita la III commissione consiliare permanente, dalla Giunta regionale, la quale, fino alla costituzione della Consulta per la conservazione e l' uso dei beni culturali, di cui all' art. 8, legge regionale 3 giugno 1975, n. 39, e in relazione all' importanza delle singole iniziative, può avvalersi della consulenza degli Enti, delle associazioni e degli organismi individuati dalla legge quali componenti della Consulta stessa.

ARTICOLO 3

Per il conseguimento degli obiettivi stabiliti dalla presente legge è autorizzata per l' anno 1976 la spesa di lire 109.900.000 da imputare al cap. 4515 di nuova istituzione del bilancio 1977, denominato: << Interventi straordinari per l' acquisizione pubblica dei beni culturali e per la realizzazione di iniziative di promozione culturale >>. Lo stanziamento è così ripartito: - lire 50.000.000 per gli scopi di cui all' art. 1, lettera
a); - lire 40.000.000 per gli scopi di cui all' art. 1, lettera
b); - lire 19.900.000 per gli scopi di cui all' art. 1, lettera
c). All' onere suddetto sarà fatto fronte - ai sensi e per gli effetti della legge 27 febbraio 1955, n. 64 - con la disponibilità esistente sul cap. 4680: << Fondo per far fronte ad oneri dipendenti da provvedimenti legislativi in corso >> del bilancio relativo all' esercizio 1976. La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione dell' Umbria.

Data a Perugia, addì 17 febbraio 1977 La presente legge è stata approvata dal Consiglio regionale in data 1 aprile 1976 (atto n. 197) e il 14 gennaio 1977 (atto n. 423) ed è stata vistata dal Commissario del Governo il 16 febbraio 1977.